Al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori della Sigma-Tau

La Sigma-Tau è una delle aziende più grandi e importanti di Pomezia. Un’azienda che ha dato tanto al territorio e a cui il territorio ha dato tanto. Nonostante questo oggi i vertici aziendali in maniera totalmente unilaterale hanno deciso di cacciare 569 dipendenti, avanzando la richiesta alla Regione Lazio di cassa integrazione straordinaria a zero ore, eventualmente agganciata alla mobilità (quindi escludendo un rientro in azienda dei lavoratori). Contro questa folle decisione i sindacati hanno organizzato un presidio davanti alla fabbrica cui hanno partecipato decine e decine di lavoratrici e lavoratori. Una delegazione del Partito della Rifondazione Comunista – FdS era presente per esprimere piena solidarietà ai lavoratori e mettere a loro disposizione tutti i mezzi a disposizione del nostro partito, sia in termini istituzionali che di militanza di base.

Continua a leggere

Costruire la sinistra d’alternativa per uscire dalla crisi.

A livello nazionale, il partito della Rifondazione Comunista è nel pieno dei lavori congressuali.

In un momento difficilissimo per il nostro paese, e non solo, segnato da una grave crisi economica inferta dalle politiche liberiste e dall’inettitudine del governo Berlusconi.

Vogliamo costruire un partito che sappia vivere, discutere e svilupparsi senza essere deformato dalle politiche moderate e dal bipolarismo.

Continua a leggere

Noi non scendiamo in basso

Di seguito la nostra replica rispetto alla risposta che il Sindaco De Fusco ci ha dato e che potete leggere qui: http://www.ilcorrieredellacitta.com/politica/nomina-maniscalco-il-sindaco-risponde-alle-polemiche.html

CASO MANISCALCO. UNA RISPOSTA AL SINDACO DE FUSCO.

Impresa impossibile cercare di fare ragionamenti politici quando la pochezza etica e politica ha raggiunto livelli così ampi.

Il berlusconismo ha ormai contaminato e contagiato tutto e tutti, non lasciando immune neanche quella che dovrebbe essere la naturale dialettica politica.

Continua a leggere

Comunicato Stampa sulla nomina di Maniscalco ad Assessore Comunale

La nomina di Antonio Maniscalco ad Assessore alle Finanze del Comune di Pomezia avvalora ancor di più i motivi che spinsero il nostro partito ad uscire dalla maggioranza di centro-sinistra poche settimane dopo le elezioni comunali.

All’epoca denunciammo come, dopo neanche due mesi di Amministrazione, tutti gli accordi politico-programmatici fossero stati traditi, sacrificati sull’altare del potere individuale di alcuni consiglieri.

Una logica ulteriormente aggravata dal fatto che, già dal primo momento, andava ben oltre a quella che era la coalizione uscita vincitrice dalle elezioni, con notevoli aperture a destra.

Oggi, con questa nomina, quel cerchio si chiude (ricordiamo infatti che Maniscalco è stato per oltre dieci anni un esponente di primo piano di Alleanza Nazionale prima e del Partito della Libertà dopo).

Continua a leggere

Sabato e domenica di nuovo in piazza

Continua lo scempio del nostro territorio. Da una parte la Turbogas di Aprilia, dall’altra il progetto dell’inceneritore e l’allargamento della discarica di Albano, porteranno ulteriore inquinamento e ulteriori veleni sul nostro territorio, Pomezia compresa.

Per tale motivo sabato e domenica saremo in piazza con i comitati, le reti, le associazioni e i cittadini per dire no a queste opere inutili e dannose. Contro i poteri forti che stanno distruggendo ogni possibilità di futuro.

Invitiamo tutte le compagne e i compagni a partecipare.

Riprendiamoci il nostro futuro. Riprendiamoci i nostri territori.

Continua a leggere

INDIGNATI

15 ottobre manifestazione mondiale degli INDIGNATI, a Roma in un corteo immenso e pacifico, le nostre ragioni oscurate dalla violenza di pochi facinorosi con la sola voglia di distruggere.

Le compagne e i compagni del circolo di Pomezia hanno aderito perché vogliono costruire un altro modo di vivere più giusto e rispettoso.

Continua a leggere

Solidarietà ai lavoratori della Pomezia Servizi S.p.A.

Il nostro partito è preoccupato della situazione dei lavoratori della Pomezia Servizi che rischiano di dover lavorare senza percepire lo stipendio.

Esprimiamo alle lavoratrici e ai lavoratori dipendenti dell’azienda la nostra solidarietà.

La grave crisi finanziaria del Comune non può cadere sulle spalle dei lavoratori già ampiamente esposti a tutti i rischi e i tagli cui il Governo sta procedendo con le sue manovre antisociali.

Ci auguriamo che il Sindaco e la sua maggioranza si attivino per trovare una soluzione che vada ben oltre al semplice pagamento degli stipendi, operando invece per una stabilizzazione finanziaria del Comune e della Pomezia Servizi. Una soluzione che non potrà che venire attraverso la condivisione delle scelte operative con i lavoratori e le loro rappresentanze sindacali.

Da parte nostra continuiamo a credere che l’unica reale garanzia stia nello scioglimento della Pomezia Servizi in quanto Società per Azioni – e quindi giuridicamente una società privata – e in una sua trasformazione in azienda speciale i cui bilanci e i piani industriali siano discussi e approvati in Consiglio Comunale, organo rappresentativo dei cittadini, e non in un Consiglio di Amministrazione, organo rappresentativo dei soli partiti.

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – Federazione della Sinistra

Circolo “Lucio Libertini” di Pomezia